Avatar 2: ecco perché le critiche agli effetti visivi non hanno senso

Autore: Giuseppe Benincasa ,
News
1' 57''
Copertina di Avatar 2: ecco perché le critiche agli effetti visivi non hanno senso

Il trailer di Avatar: la via dell'acqua è stato visto da un numero considerevole di persone in tutto il mondo e, mentre qualcuno è rimasto sbalordito da ciò che ha visto, altri hanno criticato la computer grafica (CGI) scrivendo sui social che gli effetti visivi sembrano gli stessi del primo film, risalente al 2009. L'osservazione più insistente su Avatar 2 è:

La CGI sembra la stessa dell'originale, che è uscito 13 anni fa.

Di questo ne hanno parlato alcuni esperti degli effetti speciali in un video realizzato da CorridorDigital. Gli esperti hanno all'unanimità difeso il film di James Cameron e, per farlo, si sono soffermati su un fotogramma in particolare, ossia quello di un Na'vi che stringe una cinghia sulla superficie dell'acqua.

Advertisement

Guardando con "la lente d'ingrandimento" una breve scena in particolare, gli esperti hanno fatto notare quanto sia accurato il movimento e il riflesso dell'acqua, rivelando che quella scena in particolare (di cui un frame potete vederlo qui sotto) è interamente realizzata al computer. Tutto: dall'acqua alle cinghie, alla pelle Na'Vi.

Advertisement
20th Century Studios
Avatar 2 - un navì in acqua

Sam Gorski, co-fondatore della società Corridor Digital, ha detto che per la realizzazione dell'acqua in Avatar 2, la società Weta Digital ha ottenuto 4 o 5 nuovi brevetti per la simulazione dell'acqua. Ciò significa, in breve, che Weta (la stessa compagnia che ha lavorato al Signore degli Anelli) ha inventato nuovi modi di simulare l'acqua nei film.

È interessante leggere il commento del conduttore Wren Weichman:

Credo che qui ci sia una simulazione dell'acqua in due fasi. Normalmente, quando la simulazione dell'acqua è molto basata sulle particelle e loro stanno facendo una prima simulazione delle particelle per l'acqua. Ma poi, quando il liquido si interfaccia con qualcosa, credo che il nuovo brevetto dica che l'acqua sta generando nuove particelle su quelle superfici e che questo crea l'illusione che quell'acqua sia vera. Weta è famosa per aver letteralmente inventato strumenti da zero per realizzare i suoi film.

In una intervista James Cameron ha affermato che lo sforzo maggiore per i maghi degli effetti speciali è stato quello d'interagire con l'acqua sulla superficie e non sott'acqua, dove gli attori lavorano con la motion capture, ovvero con delle tute che trasmettono i loro movimenti al computer. Sulla superficie dell'acqua invece si ha a che fare con il riflesso della luce che cambia, abiti e pelle bagnati e il movimento dell'acqua.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Titanic, Jack e la porta: National Geographic studia il caso

Anche la scienza si interessa al Titanic in occasione del 25esimo anniversario al quale National Geographic dedica uno speciale sul caso Jack.
Autore: Erika Giacira ,
Titanic, Jack e la porta: National Geographic studia il caso

Sul finale di Titanic, Jack avrebbe potuto salvarsi? La risposta definitiva è in uno speciale del National Geographic, brand tra i più istituzionali e noti nel campo scientifico. 

In occasione della riedizione cinematografica per i 25 anni di Titanic che tornerà nelle sale il 10 febbraio 2023, James Cameron e la scienza rispondono a uno dei quesiti più contrastanti della storia del cinema che riguarda proprio la sopravvivenza del personaggio di Jack. 

Sto cercando altri articoli per te...